21757479 sesso-in-ospedale-se-una-coppia-50enne-non-trattiene-bollori-0Usavano strumenti chirurgici per praticare sesso estremo. Quattro medici toscani dell’ospedale di Pisa sono finiti sotto inchiesta.

Secondo quanto racconta il Tirreno ad inguaiare i medici sarebbe stata una chiavetta Usb dimenticata nella tasca di un camice dato a lavare in una tintoria. Quando il personale ha esaminato il contenuto del dispositivo nel tentativo di risalire all’identità dei proprietari si è trovato di fronte a una serie di immagini a luci rosse che lo stesso quotidiano toscano definisce “estremiste” e “senza limiti”.
Protagonisti delle pratiche sessuali estreme sarebbero un medico quarantasettenne residente nel Pisano e una radiologa quarantenne proveniente dalla provincia di Livorno. Dalle indagini che ne sono seguite è emerso che i due avrebbero utilizzato la strumentazione – bisturi, aghi, siringhe ed altro materiale necessario ad operare – data loro in dotazione dal nosocomio pisano e da altri studi medici privati per soddisfare il proprio piacere sessuale.

{jcomments on}