carige-mps-258Sono 25 le banche bocciate dalla Bce nel corso della valutazione complessiva del settore bancario europeo che si è conclusa a Francoforte con la diffusione dei risultati di uno sforzo durato dieci mesi.

Dall’Aqr, l’analisi dei bilanci bancari, e dagli stress test, condotti assieme all’autorità europea Eba, in base ai dati di bilancio al 31 dicembre 2013, emerge che le 25 banche bocciate presentano una carenza di capitale di 25 miliardi.
Come si legge in una nota, «12 di queste 25 banche hanno già coperto questo “shortfall” con aumenti di capitale per un totale di 15 miliardi nel 2014». Ne restano, quindi, 13 con una carenza di capitale totale di 10 miliardi. Tutte le banche che presentano shortfall di capitale, dice la Bce nella nota, «devono preparare piani di ricapitalizzazione entro due settimane dall’annuncio dei risultati», e cioè da oggi, e avranno fino a un massimo di nove mesi per coprire queste carenze patrimoniali.
Sono quattro le banche italiane bocciate dalla Bce che presentano ancora carenze di capitale, dopo le misure avviate tra gennaio e settembre di quest’anno. Come comunicato oggi a Francoforte, le banche sono Mps, che ha una carenza patrimoniale di 2,11 miliardi, seguita da Banca Carige con 810 milioni, Banca Popolare di Vicenza con 220 milioni e Banca Popolare di Milano con 170 milioni ancora da raccogliere.
E La borsa punisce Montepaschi e Carige con  forti crolli in apertura (rispettivamente 15 e 21%)