resizeIl nome ci sarebbe già: Pdn – Partito della Nazione (ma anche, a pensarci bene Patto del Nazzareno da dove tutto potrebbe esser partito) Sarebbe questo il raggruppamento che metterebbe insieme Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Un’idea che oggi appare più fantapolitica che altro. Ma che, a pensarci bene, potrebbe anche esser meno campata in aria di tante altre.

Da sempre è nota la simpatia tra i due con Berlusconio che considera Renzi come un figlioccio politico.
E alcune recenti aperture di Forza Italia (gay, jus soli ecc.) sembrerebbero fatte apposta per fare breccia sul fronte democratico. Anche se, ovviamente, una parte dell’attuale Pd si staccherebbe e andrebbe a formare ula cosa di sinistra insieme al Sel. Così come pure pezzi di Fi potrebbero staccarsi e confluire in un nuovo gruppo.
L’idea alla quale qualcuno starebbe lavorando sarebbe scaturita dopo aver considerato altre subordinate per dar vita a un nuovo partito di Centrodestra con la Lega Nord e Fratelli d’Italia. Ma sia Salvini che la Meloni avrebbero rifiutato l’idea di entrare in uno schieramento il cui leader indiscusso fosse sempre Berlusconi. Il quale, peraltro, avrebbe posto una condizione: del PdN non dovranno far parte nè Ncd, nè Udc. Cosa che a renzi pare abbia fatto ben piacere.
Il partito si impegnerebbe subito su alcuni grandi temi a partire da una seria riforma della Giustizia.

{jcomments on}