Continua lo smarrimento dei moderati italiani che si sentono privi di un  partito di riferimento. Ma uno potrebbe eserci: una Lega Nord depurata di alcuni eccessi e particolarismi.
Soprattutto l’ultima sterzata di Berlusconi su Jus soli e coppie gay sta disorientando molti elettori del Centrodestra.

Tanto che la Lega acquista sempre nuovi consensi e potrebbe nel giro di pochi anni superare la stessa Forza Italia. Istanze di cui si è fatto interprete Matteo Salvini, segretario ella Lega Nord: «Io sono assolutamente contrario! L’emergenza del momento non è regalare cittadinanze o diritto di voto. L’emergenza è rilanciare il lavoro in Italia: siamo noi gli ‘immigrati’ in casa nostra». Per Salvini «devi dimostrare di conoscere e amare una terra, devi raggiungere i 18 anni e essere integrato». In generale, chi è immigrato, «nasce, cresce, e a 18 anni decide se diventare italiano».
Peraltro il partito da padano sta cercando di diventare italiano. Da qui la imminente creazione della Lega dei Popoli e delle Identità, un parttito gemello, alleato ma autonomo, che si presenterà in tutta Italia. L’obiettivo è di arrivare al 12% per poi attestarsi oltre il 15. Con lei potrebbero allearsi anche alcuni partitini di Centrodestra a cominciare dai Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.
Insomma se Forza Italia appare semrpe più allo sbando con un Berlusconi che non sa decidere in balia com’+ di Francesca Pascale, Luxuria e Dudù, è il partito di Matteo Salvini quello che al momento appare più strutturato per accogliere i voti in libertà che nelle ultime europee o non sono stati espressi o sono andati al Pd di Renzi in chiave antigrillina. Voti che, comunque, sono e restano a destra in attesa di trovare un sicuro punto di riferimento.

b. c.

{jcomments on}