gdfDue alti ufficiali della Guardia di Finanza sono stati arrestati per corruzione. Il colonnello Fabrizio Giaccone, ex comandante della Finanza a Fiumicino, è sttao arrestato nell’ambito dell’inchiesta della procura di Napoli coordinata dal procuratore aggiunto Piscitelli e dai pm Woodcock e Carrano.

 

Nuova ordinanza di custodia cautelare anche per il colonnello Fabio Massimo Mendella, già finito in manette a giugno scorso. Nell’ambito della stasse inchiesta è stato denunciato, ma solo per violazione del segreto d’ufficio, anche il generale Vito Barbi, in pensione dal primo settembre.
Per la procura di Napoli il colonnello Mendella avrebbe intascato oltre un milione di euro per non compiere controlli su imprenditori napoletani. Nell’indagine emerge anche il nome del generale Spaziante, ora in congedo, al centro del caso Mose. Fra le carte compare anche una festa in barca a cui parteciparono i calciatori Ferrara e Cannavaro, del tutto estranei ai fatti. In manette pure un commercialista
Il colonnello Giaccone è accusato di corruzione per avere ricevuto dall’imprenditore Nazario Matacchione dei Rolex, altri oggetti di valore e viaggi gratis per Parigi e New York in cambio di verifiche fiscali compiacenti. Fatti accaduti quando era comandante del gruppo della Guardia di finanza di Torre Annunziata (Napoli). Accuse analoghe anche per il colonnello Mendella, già detenuto.

{jcomments on}