dichiarazioneL’esigenza di obbedire ai rigoristi dell’Ue potrebbe determinare a breve un ulteriore aggravio della rpessione fiscale per gli italiani.
Così la prospettiva di una riduzione delle , pur enunciata dal governo, è minacciata nel medio periodo dalla necessità di riprendere il percorso di risanamento dei conti, in direzione del pareggio di bilancio: nella legge di Stabilità verrà inserita una clausola di salvaguardia che farebbe scattare un aumento dell’Iva e delle altre imposte indirette pari a 12,4 miliardi nel 2016, 17,8 nel 2017 e 21,4 nel 2018.

Sono alcune delle indicazioni, in qualche modo contrastanti tra loro, che si ricavano dalla lettura dei documenti approvati dal consiglio dei ministri di martedì, che ieri sono stati resi noti nella loro versione finale: la nota di aggiornamento del documento di economia e finanza (Def) e il rapporto sulle strategie di contrasto all’evasione fiscale.
Nell’aggiornamento del Def il ministero dell’Economia esplicita le ragioni che hanno spinto il governo far slittare di un anno il conseguimento del pareggio di bilancio, chiedendo quindi alla Ue e al Parlamento una nuova deroga, in nome della situazione eccezionale di crisi economica e dell’impegno a fare riforme strutturali. Lo stato di persistente recessione è descritto con toni piuttosto forti. Il ministro Padoan ricorda che «in termini cumulati, la caduta del Pil in Italia è superiore rispetto a quella verificatasi durante la grande depressione del ’29».
Di fronte a questo scenario la scelta è di «rallentare il percorso di avvicinamento al pareggio di bilancio (obiettivo di medio periodo)». Ecco quindi che il prossimo anno il deficit in rapporto al Pil salirà dal 2,2 al 2,9 per cento, liberando uno spazio d manovra di circa 11 miliardi. Serviranno – insieme ai proventi della revisione della spesa e del riordino delle agevolazioni fiscali – a finanziare la manovra per il prossimo anno, che comprende la conferma del bons Irpef, l’incremento degli sgravi a favore delle imprese, i maggiori stanziamenti per gli ammortizzatori sociali e per la scuola, l’allentamento del Patto di stabilità a beneficio degli enti locali. Insieme al disavanzo crescerà l’incidenza del debito, anche a causa del minor apporto delle privatizzazioni (appena 4,5 miliardi quest’anno di cui in realtà 3 derivanti dai rimborsi dei bond Mps). Unica nota positiva, la discesa della spesa per interessi, che sul 2014 risulterà minore di circa 6 miliardi rispetto alle precedenti stime.
Molto più incerti, o comunque difficili da quantificare, sono i proventi della lotta all’evasione fiscale nei prossimi anni. Nella relazione appena approvata il governo valuta in 91 miliardi annui il volume delle imposte sottratte allo Stato. Quest’anno si stima un recupero pari a circa 11 miliardi: la differenza rispetto al consuntivo 2013, pari a 313 milioni, è la somma destinata al Fondo per la riduzione della pressione fiscale. Il governo vuole archiviare per sempre la stagione dei condoni: la strategia di contrasto all’evasione per i prossimi anni punta tutto sulla tracciabilità dei pagamenti e sulla trasmissione telematica dei corrispettivi da parte dei commercianti.