Sarebbero i soldi della pensione la causa dell’ennesima lite tra marito e moglie sfociata nel sangue. Questa volta i protagonisti sono due anziani di Palermo. L’80enne Salvatore Li Greci ha ucciso con un bastone appendiabiti la moglie 78enne, Sebastiana Coppola, e poi è andato dai vicini per confessare il delitto.   L’episodio si è verificato nel quartiere “Villaggio Santa Rosalia”, in via San Raffaele Arcangelo, poco dopo le 20. Li Greci, ex autista di pullman ormai in pensione, a quanto pare sarebbe affetto da una forma di demenza senile e, secondo i vicini, i litigi fra i due erano frequenti. La coppia non ha figli e l’unico nato dalla loro unione è morto diversi anni fa.   Dopo aver colpito ripetutamente la moglie, l’uomo è andato dai vicini di casa, che hanno chiamato i soccorsi. La vittima è stata trovata in casa, riversa a terra in una pozza di sangue. I medici del 118 non hanno potuto fare altro che constatare la sua morte. Salvatore Li Greci, rimasto nell’appartamento e sprofondato in una sorta di apatia, avrebbe confessato il delitto e farfugliato le ragioni alla base del suo gesto. Adesso è in stato di fermo per omicidio.