E’ polemica a Torino per una foto-scandalo utilizzata per promuovere una mostra organizzata dal movimento per la libertà omosessuale LGBT, che aveva ottenuto il patrocinio dal Comune. Nella locandina della “Mostra Internazionale d’Arte LGBTE (La Grande Battaglia Trova Esito)”, l’immagine di una donna grassa e nuda che calpesta un’immagine religiosa. Sull’immagine, la scritta S.A.L.I.G.I.A, a riassumere le iniziali dei sette vizi capitali. Dopo le polemiche il Comune ha revocato il patrocinio. Ogni volta “valutiamo la serietà dei progetti presentati – ha spiegato l’assessore alla Cultura, Maurizio Braccialarghe -. In questo caso, nessun elemento inviatoci poteva far pensare all’utilizzo di un’immagine che riteniamo lesiva della sensibilità di molti. Dopo aver visto la locandina la Giunta, all’unanimità, ha deciso di revocare il patrocinio all’evento”.