equitaliaIl nostro Paese è al primo posto della classifica Ocse per il carico fiscale, al 53,2% del Pil se si esclude la quota di economia sommersa (che è pari al 17,3% del Prodotto interno lordo). Sono i dati rilevati da Confcommercio.

 

 

La confederazione delle imprese, inoltre, ribassa la stima sul Pil 2014 a + 0,3% contro il +0,5 previsto a settembre. A pesare è il peggior andamento degli investimenti (-0,9% contro il -0,3 stimato a settembre) mentre i consumi dovrebbero leggermente migliorare a +0,2 rispetto al +0,1% previsto in precedenza.
Secondo le rilevazioni della Confcommercio, i nuovi criteri di calcolo del Pil introdotti dall’Ue comporteranno un calo del deficit dal 2,6% al 2,5%, liberando dunque 1,68 miliardi di risorse, pari a 250-300 euro a testa per ciascun italiano.
L’economia nel complesso ristagna”, rileva la confederazione, e il 2014 sarà un anno “spartiacque tra crisi e modesta ripresa futura” mentre il 2015 – con il Pil a +0,9% – sarà “un anno di transizione più che di ripresa”.
Senza crescita, dice però Carlo Sangalli presidente di Confcommercio, “non si può escludere a ottobre una manovra correttiva”.

{jcomments on}