camorrasounf“Se vuoi sapere se un popolo è ben governato, e se le sue leggi sono buone o cattive, esamina la musica che fa”.
Con questa frase di Confucio si apre “Camorra Sound” un viaggio nella storia della musica e della criminalità a cura di Daniele Sanzone.

 

 

 

Un libro in certo qual senso “impegnato” dove ci si chiede perchè mai in un ambiente come quello campano dove tradizionalmente la sceneggiata dei vari Mauro e Merola  ha spesso cantato la camorra, la musica più moderna, anche quella impegnata, non abbia mai rpeso posizione contro la criminalità organizzata. Così  il libro aggiunge un nuovo tassello all’annosa discussione sul rapporto musica-camorra, con la speranza di aprire un sano dibattito su un argomento che periodicamente scandalizza e suscita l’indignazione dell’opinione pubblica.
Il viaggio di Sanzone è arricchito dalle interviste ad artisti e operatori culturali di ieri e di oggi, tra cui ‘O Zulù dei 99 Posse, Raiz degli Almamegretta, Caparezza, Edoardo Bennato, Teresa De Sio, Dario Fo.

Daniele Sanzone
CAMORRA SOUND
Magenes editore  
192 pagine, 12 euro

TWITTER @BrunelloCavalli