berlusconi ruby berlusconi ruby 2 1I giudici della seconda Corte d’Appello di Milano hanno assolto Silvio Berlusconi, imputato per concussione e prostituzione minorile nel processo Ruby, per entrambi i capi di imputazione.
In primo grado l’ex premier era stato condannato a 7 anni.

 

 

I giudici d’appello hanno assolto Berlusconi dal reato di concussione «perchè il fatto non sussiste» e dal reato di prostituzione minorile «perchè il fatto non costituisce reato».
«Oltre le più rosee previsioni». È una sentenza «che va oltre le più rosee previsioni». Così l’avvocato e professore Franco Coppi ha commentato coi cronisti la sentenza di assoluzione.

Tente le reazioni alla sentenza di assoluzione di Silvio Berlusconi al processo d’appello per il caso Ruby.

Minzolini. «Finalmente giustizia. È la dimostrazione che ci sono dei giudici anche a Milano. Resta un problema su cui dovrebbero riflettere tutti in questo Paese: i danni che un processo, che non doveva neppure tenersi, e una condanna di primo grado ingiusta hanno provocato all’uomo e al Paese». Così il senatore di Fi, Augusto Minzolini.

Furlan. «Dopo mesi di battaglie, illazioni ricostruzioni a dir poco fantasiose, finalmente una corte senza preconcetti e pregiudizi politici ha giudicato i documenti le testimonianze e la pura e semplice realtà dei fatti. Come noi dell’Esercito di Silvio abbiamo sempre sostenuto, la vicenda Ruby era semplicemente assurda. Ora, tutti concentrati sulla buona politica, per rilanciare Forza Italia, stretti attorno al nostro grande leader Silvio Berlusconi». Ad affermarlo è Simone Furlan, di Forza Italia.

Mantovani. «Assoluzione Berlusconi, una notizia che ci riempie di gioia e che non sorprende chi conosce il Presidente. Ma chi ripagherà lui ed il Paese per le violenze subite?». È quanto scrive Mario Mantovani, componente dell’Ufficio di Presidenza di Forza Italia, sul suo profilo twitter in merito all’assoluzione del Presidente Berlusconi nel processo Ruby.

Santelli. «Un’assoluzione che rende giustizia all’uomo prima che al politico. Ci sarà tempo e modo di discutere e commentare i risvolti della vicenda processuale e le sue conseguenze politiche. Oggi c’è sollievo e affetto per Silvio Berlusconi come persona, una persona umanamente straordinaria». Lo afferma la deputata di Forza Italia Jole Santelli.

Napoli. «La Corte d’Appello ha scavato sotto la montagna di fango mediatico costruita in questi anni ed è riuscita a trovare la verità che tutti sapevamo sul presidente Silvio Berlusconi». Lo afferma Osvaldo Napoli, esponente di Forza Italia.

«A lui va in questo momento l’affetto e la solidarietà di quanti hanno sempre creduto nella sua innocenza, nell’onestà e nella correttezza dei suoi comportamenti privati e pubblici. Niente potrà mai ripagarlo delle sofferenze e delle umiliazioni patite e sulle quali in tanti hanno costruito le loro fortune, giornalistiche o politiche. Berlusconi si vede restituito, anche in sede processuale, il diritto a parlare agli italiani con il vigore e la limpidezza di sempre», conclude.

Matteoli. «Finalmente da Milano arriva una bella notizia. L’assoluzione di Silvio Berlusconi rispetto ad accuse davvero incredibili restituisce serenità al nostro leader e a Forza Italia. Ne beneficierà il clima politico ed il Paese». Lo dichiara il senatore di Forza Italia Altero Matteoli.

«Auspico che il partito adesso possa occuparsi con maggiore determinazione e con rinnovati stimoli dei problemi reali della gente afflitta da una crisi economica durissima e interminabile – aggiunge – Dobbiamo incalzare il governo perchè affronti con decisione e con atti concreti le difficoltà delle famiglie e delle imprese con provvedimenti forti e non con i pannicelli caldi».

Biancofiore. «Emozione e soddisfazione sono i sentimenti che caratterizzano questi minuti tutti passati dalla notizia di assoluzione nel processo Ruby di Silvio Berlusconi . Sentimenti condivisi da tutto il popolo azzurro dal quale piovono messaggi di amore e felicità per Berlusconi».

Lo afferma Michaela Biancofiore, parlamentare FI e responsabile nazionale Risorse Umane. «Ma credo che la cosa più importante da sottolineare è che esiste una giustizia giusta anche in Italia e che questa sentenza restituisce grande fiducia nella magistratura e onore al pluri-presidente del Consiglio e all’Italia».

Ncd. «Sono contento per Silvio Berlusconi. Quella di oggi è una sentenza storica, che dimostra come lo Stato di diritto in Italia alla fine prevale e come non si possano trascinare sul piano penale comportamenti personali, stili di vita, errori politici. Ed evidenzia anche l’importanza della difesa». Lo dichiara Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale del Nuovo Centrodestra.

Anche il capogruppo Ncd al Senato Maurizio Sacconi ha manifestato su Twitter la sua soddisfazione: «Finalmente un giudice a Berlino».

La Destra. «Chi risarcirà l’Italia del danno enorme provocato da magistrati irresponsabili all’epoca dell’ormai cosiddetto scandalo Ruby? Vergogna per chi speculò ieri e oggi. Ci rifletta anche chi si pentì persino della solidarietà parlamentare al presidente Berlusconi.

Noi non abbiamo mai avuto dubbi e siamo fieri di poterlo rivendicare nel giorno dell’assoluzione in Corte d’Appello e che ci siamo permessi di augurargli stamane sul nostro Giornale d’Italia. Ma ora Berlusconi sappia gestire bene questa bellissima vittoria processuale e si faccia carico di indicare una strada per il futuro all’Italia che ha combattuto vent’anni al suo fianco». Lo afferma il leader de La Destra, Francesco Storace, sulla sua pagina facebook.

Rotondi. «Giustizia è fatta. Per il centro-destra è il giorno più bello da venti annì. Così, in una nota, Gianfranco Rotondi commenta la sentenza su Berlusconi nel processo Ruby.