A Concordia in provincia di Modena un elettricista di 50 anni, Carlo Ghidoni, ha ucciso l’oculista Amos Bartolino, 51 anni, residente nel Reggiano, a Lemizzone, ora direttore all’ospedale di Correggio ma per molti anni primario del Ramazzini di Carpi. Poi si è tolto la vita. Bartolino e Ghidoni si erano dati appuntamento nel cantiere di proprietà del medico proprio per discutere di alcuni lavori e dei relativi compensi. Secondo la ricostruzione dei carabinieri della compagnia di Carpi, sul posto con gli esperti del Ris e il magistrato Lucia De Santis, proprio su una fattura forse non pagata da Bartolino, si sarebbe scatenata la furia incontrollabile dell’artigiano, da tempo in gravi difficoltà economiche.