Israele ha effettuato nuovi raid sulla Striscia di Gaza al settimo giorno dall’avvio dell’operazione ‘Confine protettivo’. Dopo l’appello del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, per “misure immediate per porre fine ai combattimenti”, sono già 40 gli obiettivi colpiti da questa mattina e circa venti i razzi che sono stati lanciati dal territorio palestinese contro Israele.
Il bilancio dell’operazione israeliana, stando al ministero della Salute di Gaza, è di 172 morti e oltre 1.200 feriti. Tra le vittime, secondo i palestinesi, ci sono molti civili, donne e bambini.
Almeno 17mila palestinesi di Gaza hanno lasciato le loro case nel nord della Striscia e hanno trovato rifugio presso le strutture delle Nazioni Unite. Prevista una riunione d’emergenza della Lega Araba al Cairo dedicata all’offensiva israeliana.