Il marito teneva la porta chiusa mentre la moglie picchiava la vicepreside. È questa la prima ricostruzione dell’aggressione dei genitori di una studentessa bocciata nei confronti della professoressa Rosanna Gallucci al liceo Telesio di Cosenza.
La coppia ha aspettato a lungo che la professoressa si liberasse dagli impegni in corso, e si sono quindi accomodati nel suo ufficio. Appena seduti, hanno iniziato a urlare e la vicepreside li ha invitati alla calma. Quando poi la donna si è alzata per chiamare un bidello, il padre della ragazza bocciata ha chiuso la porta mentre la madre ha afferrato la professoressa Gallucci per i capelli e l’ha fatta cadere a terra. Quindi una sequela di botte. La madre della studentessa si sarebbe seduta sul corpo della prof. iniziando a darle pugni e strappandole una ciocca di capelli.
Un’altra insegnante è intervenuta non riuscendo tuttavia ad allontanare la madre della ragazza dalla vicepreside, alla quale, mentre era ancora a terra è arrivato anche un calcio nel seno. Subito dopo sono stati chiamati carabinieri e polizia mentre l’ambulanza ha soccorso la vicepreside. La prognosi emessa dai medici è di 25 giorni.