massimobossettiMassimo Giuseppe Bossetti, 44 anni, padre di tre figli, una sorella gemella, incensurato. Potrebbe essere lui l’assassino della tredicenne bergamasca scomparsa il 26 novembre del 2010 a Bembrate di Sopra.

 

 


Ne sono convinti inquirenti e investigatori che si occupano del caso. L’esame del Dna che lo indicava come figlio illegittimo dell’autista di autobus Giuseppe Guerinoni, scomparso nel 1999 e a cui era riconducibile il profilo genetico trovato sugli slip di Yara, sarebbe stata solo l’ultima conferma, perché Bossetti era già stato individuato: apparteneva a quel gruppo di persone che gli investigatori ipotizzavano potessero essere, in qualche modo, coinvolti nel delitto.
Bossetti vive a Mapello, che da Brembate di Sopra dista poco più di un chilometro. E’ muratore e le indagini si erano in particolare concentrate su chi lavorava nel mondo dell’edilizia: questo a causa delle polveri di calce trovate sul corpo e, soprattutto, nelle vie respiratorie di Yara. Poi c’è stata l’estrazione del Dna e decine di migliaia di comparazioni che avevano portato a Guerinoni. Da qui si erano cominciate a studiare le sue relazioni. Sono state sentite decine di testimoni, senza trascurare nemmeno la più flebile voce di paese e aveva cominciato a restringersi il cerchio delle donne con cui poteva aver avuto una storia. Alla fine l’hanno trovata e da lei sono arrivati a Bossetti, che i carabinieri del Ros hanno prelevato nel pomeriggio in un cantiere di Dalmine in cui stava lavorando. Davanti al pm Letizia Ruggeri, che l’ha interrogato nella caserma dei carabinieri di Bergamo, si è avvalso della facoltà di non rispondere.
Però ha premesso: “Sono sereno”. Di fatto respingendo le accuse. Quando
Il suo avvocato, Silvia Gazzetti, nominato d’ufficio, ha solo precisato che “l’accusa è in relazione all’omicidio di Yara Gambirasio”.

{jcomments on}