Gary Hartstein, anestesista statunitense ed ex delegato medico della Fia, si mostra pessiminista parlando delle condizioni di salute del pilota tedesco, in coma dal 30 dicembre: “Se ci fossero miglioramenti saremmo stati informati. Le possibilità di risveglio diventano minime dopo sei mesi”