“Il sistema tributario italiano è caratterizzato da un livello di prelievo eccessivo e maldistribuito”. Lo evidenzia la Corte dei Conti nel Rapporto 2014 sulla finanza pubblica, calcolando che nel 2013 la pressione fiscale era pari al 43,8% del Pil,quasi 3 punti in più rispetto al 2000 e 4 rispetto alla media UE. L’Irpef presenta ormai dei limiti specifici e andrebbe riformata per garantire una effettiva progressività e redistribuzione dell’imposta. E’ quanto sostiene la Corte dei Conti nel rapporto 2014 in cui anche il bonus da 80 euro viene definito “un surrogato” rispetto ad una revisione complessiva dell’imposta.