grillo-vinciamoIl Pd vince alla grande le elezioni europee e surclassa i grillini che prendono la metà dei voti.
Ecco i risultati quasi completi diffusi dal Viminale (61.041 sezioni su 61.592.): Forza Italia 16,77%, Pd 40,89%, M5S 21,11%, L’altra Europa 4,03%, Lega 6,20%, Ncd 4,37%, Fratelli d’Italia 3,65%, Scelta Europea 0,70%.

È stata del 58,69%, invece, l’affluenza definitiva alle urne registrata in Italia. Lo ha reso noto il ministero dell’Interno, quando mancano ancora alcuni comuni. Nelle europee del 2009 – quando si votò in due giorni – l’affluenza alla stessa ora è stata del 66,5%. Il calo è quindi pari a circa 8 punti percentuali.
Gli elettori hanno premiato gli sforzi del premier che ha fatto del Pd il primo gruppo del Pse all’interno del parlamento europeo. Viceversa Fi si vedrà assai ridimensionata dentro il Ppe. Grillo poi, che potrebbe mandare in Europa una ventina di deputati, dovrà finalmente dire quello che non ha finora detto: in quale gruppo si collocherà e per quale candidato alla presidenza della Commissione voterà.
Un dato, quello delle europee, che avrà ripercussioni anche sul fronte interno. Con questo risultato Matteo Renzi ottiene quella legittimazione elettorale che non ebbe al momento della formazione del suo governo. Ne esce privilegiata la stabilità. Mentre la battuta di arresto di Grillo straccia le sue aspettative  e ridimensiona pesantemente l’ex comico genovese.
Problemi nel Centrodestra dove l’appeal di Berlusconi non esiste più e le divisioni creano solo perdita di voti e credibilità politica.

 

{jcomments on}