LaudieroPerchè ci si lascia? Perchè una relazione finisce? E la colpa è di lei, di lui o dell’altro? Tutti questi interrogativi (e anche molti altri) fanno da sfondo al godibilissimo romanzo di .


La storia è quella di Roberto, trentenne napoletano che infila, una dietro l’altra, una serie di storie e relativi abbandoni.
Ma il fulcro della vicenda narrata qui non è la relazione in se stessa. Piuttosto la sua fine e il perchè di questa fine. Sonia, Sandra, Mirella, Lorenza Anna ecc. sono tanti capitoli di una storia con un unico finale: l’abbandono, la rottura, il lasciarsi.
Laudiero gira sempre intorno al mistero che si cela dietro tutti gli amori finiti: perché? Perché mi lasci? Perché ti lascio? Che è successo? Che ho fatto, che hai fatto, ma da quando, lui chi è, lei chi è. E non si può sapere, dice Roberto. Cioè, si può sapere, ma non si può sapere veramente. Quindi? Quindi alla fine viene da dire che gli amori sono così, che ci vuoi fare, inutile scriverci sopra tragedie: grandi o piccoli, importanti o fuggitivi, eterni o minimal, essi iniziano, durano un po’, poi finiscono.
Un libro godibile, leggero, divertente. Dove anche Napoli che fa da sfondo contribuisce a rendercela più percepibile. Perchè innamorasi (e lasciarsi) a Napoli non è come farlo a Milano.

Simone Laudiero è nato a Milano nel 1979. Napoletano di famiglia napoletana, ha studiato a Bologna e a Torino, lavora a Milano e vive a Roma. Dal 2006 fa l’autore comico: portano la sua firma Camera Café, Kubrick e altri programmi. Nel 2011 ha co-fondato La Buoncostume, un gruppo di autori televisivi e web.

Simone Laudiero ”Si lasciano tutti” Sperling&Kupfer pp. 311, € 14,90

TWITTER @BrunelloCavalli

{jcomments on}