La procura regionale della Corte dei conti per la Lombardia ha avviato un’indagine per accertare possibili profili di danno erariale nella gestione delle gare di appalto per Expo 2015. Indagine per cui è stato istituito un apposito pool di magistrati contabili, guidato dal procuratore regionale Antonio Caruso, e che si avvarrà del contributo del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano.      La nuova inchiesta sulle presunte irregolarità nelle gare di Expo si aggiunge alla recente indagine in corso, relativa alla truffa ai danni della Regione tramite Infrastrutture Lombarde per svariate illegalità nell’attività contrattuale – per l’accusa sarebbero stati favoriti alcuni avvocati legati all’ex dg Antonio Rognoni – e ai numerosi fascicoli aperti sugli appalti negli ospedali lombardi, attualmente in fase istruttoria.