che 1457Il timore sta diventando sempre più certezza. Ci sono nuovi studi che parlano di possibili relazioni tra uso dei telefoni cellulari e tumori al cervello
Trenta minuti al giorno di telefonate al cellulare aumentano il rischio di cancro al cervello.

A lanciare l’allarme è una nuova ricerca dell’Università di Bordeaux, pubblicata sulla rivista scientifica Occupational and Environmental Medicine, secondo cui conversazioni telefoniche troppo lunghe possono causare danni cerebrali permanenti, come meningioma e glioma.
Stare al cellulare per 15 ore al mese sarebbe altamente pericoloso per il cervello. Lo studio dell’Unità di epidemiologia e prevenzione (Isped) si è basato sull’analisi di un campione di persone affette da meningioma e glioma, in alcuni dipartimenti francesi. I ricercatori hanno individuato nei pazienti di Gironda, Calvados, Manica e Herault un legame tra la comparsa dei tumori cerebrali e l’uso prolungato del cellulare per telefonare. Mezz’ora al giorno di conversazione telefonica raddoppierebbe i rischi di tumore al cervello.
La ricerca “dimostra che il rischio di contrarre un glioma è doppio per chi usa il cellulare regolarmente e per lunghe conversazioni”.
Il problema è comuqnue da tempo al centro di studi e ricerche. Nell’attesa di risultati più certi, la IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca dul Cancro) suggerisce di “ridurre l’esposizione, utilizzare gli auricolari e scrivere sms” ogni volta che è possibile evitare una telefonata. La cautela è particolarmente importante per i giovani, che hanno tessuti cerebrali più sensibili di quelli degli adulti e che, a differenza dei più anziani, hanno davanti un’intera vita di esposizione.

{jcomments on}