bancomatIl Tar del Lazio dice no al ricorso e per l’obbligo di bancomat si conferma la data del 30 giugno.
A partire da quella data, quindi, professionisti e imprese saranno obbligati ad accettare l’utilizzo della card per i pagamenti superiori ai 30 euro, una soglia che inserisce le agenzie di viaggi a pieno titolo tra le categorie coinvolte nella nuova normativa.


Tra le ultime decisioni prese in merito all’utilizzo obbligatorio del Pos, scrive Il Sole 24 Ore, la decadenza della soglia minima di fatturato dichiarato nell’anno precedente: il bancomat dovrà quindi essere accettato da tutte le attività e l’unico limite consentito sarà quello della somma da pagare pari a 30 euro. Tutto questo a meno che entro il prossimo 30 giugno non venga varata una nuova normativa in sostituzione di quella attuale.
L’obbligo del Pos aveva scatenato numerose proteste da parte degli addetti ai lavori, sia per i costi da sostenere per chi ancora non era dotato di un sistema di pagamento automatico, sia per i costi di commissione, giudicati eccessivamente elevati. Motivi che avevano spinto l’Ordine degli Architetti a depositare un ricorso al Tar, ora abbicato definitivamente.

{jcomments on}