BacchidduUna volta quelle belle erano di destra e quelle racchie di sinistra. Insomma, se a destra sfoderavano Alessandra Mussolini, a sinistra rispondevano con Rosy Bindi o Franca Falcucci. Poi, col berrlusconismo sono arrivate le bellissime: Mara Carfagna, Sara Varetto, Nicole Minetti con tutto il tragicomico seguito di olgettine.


Ma ora è il riscatto della sinistra. Forse merito di Matteo Renzi che ha svecchiato il partito. E sì, perchè da quando ha messo in soffitta Pigi Bersani che al massimo tirava fuori una Kyenge qualsiasi che proprio bella non è, nel Pd è tutto un tripudio di femminilità.
Sol per citarne alcune abbiamo Maria Elena Boschi, Alessandra Moretti o Marianna Madia che, in fondo, male non è.
E per non essere da meno anche la sinistra più sinistra che oltre non si può si adegua. Così ecco che la Lista Tsipras (pochi hanno capito cosa sia) adesso ti tira fuori l’eurocandidata Paola Bacchiddu (Bacchiddu chi?) che si fa ritrarre in bikini con lo slogan “E’ iniziata la campagna elettorale e io uso qualsiasi mezzo” Altro che olgttine!
E’ bastato uno scatto su Facebook ed ecco che la prima sconosciuta responsabile della comunicazione della lista è balzata agli onori della cronaca. Di lei si parla ovunque. Magia della comunicazione (e del prorompente Lato B.)

{jcomments on}