Scambi di artiglieria nelle acque del mar Giallo. La Corea del Sud ha risposto a colpi sparati dal Nord e caduti oltre la linea di confine, in acque sudcoreane.
Seul ha immediatamente deciso l’evacuazione d’urgenza dei residenti delle isole di confine con il Nord. In precedenza Pyongyang aveva istituito una “no-fly e no-sail zone” su una sezione del mar Giallo lasciando ipotizzare nuovi test balistici.