Cinquanta minuti di colloquio privato in Vaticano, quello tra Obama e Francesco, dove il cerimoniale e’ stato ‘spezzato’ piu’ volte da sorrisi spontanei dei due e si e’ concluso con una calorosa stretta di mano.
E’ stato il primo incontro tra il presidente americano e il pontefice. “Sua Santità è probabilmente l’unica persona che deve subire più protocollo di me”, ha detto Obama. E il Papa si è messo a ridere. L’udienza privata si è svolta in inglese e in spagnolo con la presenza quindi di due interpreti.
“Pregate per me e la mia famiglia. Sono con me in questo cammino”, ha detto il presidente Usa Barack Obama a papa Francesco. Congedandosi dal Papa e ricordando che nella sua precedente visita in Vaticano era stato accompagnato dalla moglie e dalle figlie, dopo aver chiesto a papa Bergoglio di pregare per loro, il presidente Obama ha aggiunto: “Loro devono sopportarmi”.