Barroso 1490053c1Altri 12 nomi “supplementari” sono stati inseriti nella lista delle sanzioni dell’Ue alla Russia che si vanno ad aggiungere ai 21 già decisi. Lo ha annunciato il presidente francese Hollande al termine della cena del Vertice Ue che si è occupato, tra l’altro, di Ucraina. “Sulle 12 persone che entreranno nella lista delle sanzioni dobbiamo seguire le procedure giuridiche, e ci sarà una riunione degli ambasciatori su questo, ma vi assicuro che si tratta di 12 nomi veramente di altissimo livello” ha ribadito al termine del Consiglio dell’Unione Europea il presidente della commissione Josè Manuel Barroso, che ha aggiunto: in caso di nuova escalation ci saranno “conseguenze di ampio respiro” nei confronti di Mosca e per questo il consiglio Ue ha chiesto alla Commissione e agli Stati membri di preparare “sanzioni mirate”. Deciso anche un aumento degli aiuti europei all’Ucraina.

“Stiamo annullando il vertice Ue-Russia e gli Stati membri annulleranno vertici bilaterali”, ha aggiunto il presidente del consiglio Ue Herman van Rompuy al termine della prima giornata di lavori.

Nella giornata di ieri botta e risposta tra Washington e Mosca. “Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per la situazione in Crimea”, ha detto il presidente americano Barack Obama, parlando di “referendum illegale e movimenti illegittimi” delle truppe russe, ma ha aggiunto che Mosca è ancora in tempo per fare un passo indietro. La Russia ha reagito alle sanzioni Usa pubblicando una lista fra nove funzionari dell’amministrazione Obama e membri del Congresso a cui ha vietato l’ingresso sul territorio russo.  {jcomments on}