C’è anche il corpicino di un bambino tra i resti carbonizzati di tre cadaveri, trovati all’interno di un’auto a Cassano Ionio in provincia di Cosenza. Il piccolo di tre anni, trovato tra i corpi carbonizzati, era il nipote del sorvegliato speciale. Il 52enne aveva in custodia il bambino poiché sua figlia è attualmente in carcere a Castrovillari. L’altro corpo sarebbe di una donna di origini marocchine. Sul caso stanno indagando i carabinieri.
Secondo una prima ricostruzione, i tre sarebbero stati prima uccisi e poi i loro corpi dati alle fiamme. I cadaveri sono stati incendiati in una Fiat Punto, la stessa in uso a Giuseppe Iannicelli.
Era stato il figlio del sorvegliato speciale a dare l’allarme per il mancato rientro del padre. Iannicelli aveva l’obbligo di rimanere in casa dalle 20 di sera alle 8 di mattina.