E’ in gravi condizioni al centro grandi ustioni dell’ospedale di Padova una donna straniera di 35 anni alla quale il marito domenica sera, al culmine di un litigio nel loro laboratorio calzaturiero, ha spruzzato del mastice sul volto, appiccando poi il fuoco. Il fatto è avvenuto a Vigonovo, in provincia di Venezia. L’uomo, 47 anni, è fuggito ed è ora ricercato dai Carabinieri per tentato omicidio. La donna, che conduce con il marito il tomaificio, è stata soccorsa da alcuni parenti che hanno udito le sue urla disperate. Proprio la natura del mastice industriale, una sostanza usata per incollare le scarpe, ha reso difficile domare le fiamme sul corpo della donna, che è giunta all’ospedale di Padova in condizioni molto serie, con ustioni estese oltre che al volto anche al busto. Ora è in prognosi riservata.