CHRISTINPer risolvere la crisi del debito pubblico italiano l’organismo presieduto da Christine Lagarde ipotizza una soluzione cui da tempo si parla: un prelievo dai nostri conti correnti.


Il Fiscal report di ottobre del Fmi suggerisce un prelievo del 10% sulle giacenze attive dei conti correnti bancari e postali di cittadini e imprese. Il che vuol dire che se avete mille euro ve ne portano via cento, se diecimila, mille. Sic et simpliciter, come dicevano i latini.
Tra l’altro il Fmi ricorda come nel corso degli anni sia stato ampiamente utilizzato, in particolare alla fine della seconda guerra mondiale.
Da noi, più recentemente, lo adottò Giuliano Amato che una bella notte prelevò dai conti correnti di tutti noi il 6 per mille delle giacenze. Ora qui si parla di un 10 per cento. Una vera e propria sberla.

{jcomments on}