E’ questa la drammatica confessione di Gianpietro Gilberti, fermato ieri mattina dai Carabinieri di Piacenza per l’omicidio della compagna Cinzia Agnoletti.

L’episodio si è consumato nella loro abitazione di Castelvetro Piacentino, in via Stazione, mercoledì sera. A chiedere l’intervento del 112 è stato il figlio 24enne della coppia, che aveva ricevuto a sua volta una telefonata dal padre, disperato, che si era reso conto di ciò che aveva fatto e che poi aveva cercato, a sua volta, di farla finita.

Non era la prima lite né la più violenta, stando a quanto riferiscono i vicini.

Non è ancora chiaro se l’uomo abbia strangolato la vittima soffocata con un sacchetto di plastica.  {jcomments on}