berlusconi-lettaIl Cavaliere sta pensando a un atto eclatante nel caso in cui il prossimo 4 ottobre la Giunta del Senato devesse decidere per la sua decadenza da parlamentare. I parlamentari si dimetterebbero in massa.


Una decisione in tal senso è stta presa dell’assemblea dei gruppi presente lo stesso Berlusconi.
Al termine della riunione Brunetta ha però spiegato che “non c’è nessuna ‘direttiva’, non ci sono dimissioni di massa, ma c’è stata una domanda del capogruppo rivolto ai singoli parlamentari su come reagirebbero di fronte al vulnus democratico rappresentato dal voto per la decadenza, e quindi la privazione delle garanzie per Silvio Berlusconi. Ognuno deciderà secondo la propria coscienza”.
Sono stati i 55 giorni più brutti della mia vita, avrebbe ammesso Berlusconi durante l’incontro con i parlamentari del Pdl, fino alle 5 del mattino non riesco ad addormentarmi da ormai 55 giorni per accuse infamanti e una sentenza assurda e ingiusta. Mi vogliono far passare alla storia come uno che ruba ai cittadini. Questa vicenda mi ha tolto il sonno.
E avrebbe rivelato di aver perso 11 chili, uno per ogni anno di condanna dei processi Mediaset e Ruby. Il Cavaliere avrebbe poi assicurato: con Forza Italia ho buttato il cuore oltre l’ostacolo, proprio come successe nel ’94. Con Forza Italia possiamo puntare a tornare ad avere il 36% dei voti. Dobbiamo rifare i club di Forza Italia, uno per ogni comune. Forza Italia è il futuro, avrebbe detto l’ex premier mostrando ai suoi parlamentari una bozza degli organigrammi della nuova Fi. Ci aspettano momenti difficili, abbiamo di fronte a noi una battaglia dura, ma abbiamo il dovere di combattere per i nostri figli. Ci prepariamo a vincere la prossima campagna elettorale.
Dall’assemblea dei gruppi del Pdl è emerso che la manifestazione di Forza Italia prevista per sabato mattina all’Auditorium della Conciliazione è stata annullata.

{jcomments off}