Rapporti familiari tesi da lungo tempo. Forse questa la causa del tragico epilogo dell’ennesima lite tra un padre, noto imprenditore del trevigiano, e la figlia che ha impugnato una delle armi presenti in casa, regolarmente registrate, e ha esploso tre colpi di pistola. L’uomo è stato colpito ad un braccio, una gamba e alla testa. I vicini, uditi i colpi, hanno immediatamente chiamato il 112, intervenuti insieme al 118. L’uomo è stato portato all’ospedalee Ca’ Foncello di Treviso, in gravi condizioni, mentre la minorenne è stata presa in custodia cautelare.
Avvertita immediatamente la moglie della vittima, una brasiliana di 50 anni che era partita per il suo paese d’origine insieme al figlio. {jcomments on}