E’ stato catturato nella città di Nuevo Laredo, al confine con gli Stati Uniti, il boss messicano del narcotraffico Miguel Angel Trevino, detto Z40, capo degli Zetas, ex militari che alla fine degli anni ’90 decisero di mettersi in proprio nel crimine organizzato.

Noto per la sua crudeltà, per le esecuzioni violente e gli innumerevoli cadaveri bruciati per non lasciare traccia dei delitti, Trevino è stato uno degli uomini più ricercati al mondo, con una taglia sulla testa di 5milioni di dollari.

Scampato alla precedente cattura nel 2010, dopo 15 anni di potere viene decapitato il vertice degli Zetas, un fatto che risulta essere una grande vittoria per la presidenza di Enrique Pena Nieto. {jcomments on}