Ieri mattina a Napoli, in poche ore, si sono succeduti due agguati che hanno portato alla morte di due uomini sotto i trent’anni.

Vincenzo de Stasio, 25 anni, sarebbe stato ucciso accidentalmente dal padre della sua fidanzata, reo confesso, con un proiettile partito dalla pistola dello stesso ragazzo. L’uomo, contrario alla relazione della figlia diciannovenne, avrebbe tentato un chiarimento con il ragazzo, conclusosi però con il colpo di pistola. L’uomo avrebbe, quindi, caricato il ragazzo per portarlo in ospedale ma quando si è reso conto che era già morto, ha lasciato la macchina in zona stazione per andare ad informare i carabinieri. {jcomments on}

Poche ore dopo un altro omicidio si è consumato in contrada Spadari: Vincenzo Birra, ritenuto legato al clan Mele, è stato ucciso da un colpo di pistola al viso. Per questo caso si ricerca ancora il killer.