Le dichiarazioni di due ex artificieri, attivi nel periodo del delitto Moro, hanno permesso di aprire un nuovo fascicolo di indagine relativo al caso dell’omicidio e del ritrovamento del corpo.

Secondo la versione ufficiale, le BR annunciarono alle 12.30 la morte del presidente della DC consentendo il recupero del corpo intorno alle 14.

Secondo quanto dichiarato dai due artificieri, invece, il corpo fu tirato fuori dalla Renault 4 alle 11 in presenza dell’allora Ministro degli Interni, Francesco Cossiga, accusato di aver voluto seguire una linea troppo dura, compromettendo personalmente la vita di Moro.

La tesi del ritrovamento anticipato, tuttavia, sarebbe smentita da Franco Alfano, allora giornalista di GBR, presente sul posto all’epoca dei fatti.