Non va proprio giù la condanna ad un altro anno in serie C per alcuni sedicenti tifosi del Lecce che, al fischio di fine partita contro il Carpi, si sono fatti strada attraverso la curva Nord, invadendo il terreno di gioco, e si sono diretti agli spogliatoi. Calciatori, arbitro, tecnici di gioco e cronisti sono riusciti a mettersi in salvo, mentre a contrastare lo sfogo violento solo una quindicina di stuart colpiti a ripetizione con pugni, calci e corde. All’arrivo della polizia gli ultras si sono ritirati devastando tutto ciò che hanno trovato al loro passaggio. Teppisti, dunque, e non tifosi che sono stati allontanati definitivamente con lancio di lacrimogeni e cariche di alleggerimento.

Insomma una doppia sconfitta per il Lecce che, dopo la retrocessione dalla serie A alla prima divisione a causa del calcioscommesse, ha dovuto pagare un nuovo pesante tributo. {jcomments on}