“Questo linguaggio non mi appartiene, perché istiga alla violenza tutta la cittadinanza. Chiunque deve sentirsi offeso, non solo io”. Così il Ministro Kyenge commenta lo spiacevole post pubblicato dalla consigliera leghista Valandro, ieri su Facebook, e rilanciato immediatamente in rete da molti utenti, accompagnato da parole di sdegno.

“Chiedo scusa a tutti per quanto accaduto, in modo particolare al Ministro Kyenge. Mi autosospendo da ogni incarico da me assunto, anche nel consiglio di Quartiere. E’ stata una battuta detta in un momento di rabbia”. Così ribatte immediatamente Dolores Valandro ai microfoni di Radio Capital. Ma il suo pentimento non seda lo sconcerto diffuso in ambiente politico. “Cecile Kyenge ha ragione, ognuno di noi dovrebbe sentirsi offeso, e anch’io mi sento offeso. Si tratta di parole che non meritano altro commento che il profondo sdegno. Merita invece Cecile tutta la solidarietà mia personale, del governo e del Paese”. Queste le dure parole di Enrico Letta, ribadite da Laura Boldrini che parla di “parole inaccettabili, intrise di razzismo e di odio, tanto più gravi perché pronunciate da una donna con un incarico politico”. {jcomments on}