Crolla la spesa degli italiani per prodotti freschi con un calo che varia dal 4,5 per cento delle verdure al 3,9 per cento per la frutta, rispetto allo scorso anno.
E’ quanto  emerge da una analisi della Coldiretti ad aprile sulla base dell’Osservatorio Macfrut, in occasione della divulgazione dei dati Confcommercio sui consumi.


Sono peraltro aumentate del 6,1 per cento le famiglie che hanno rinunciato del tutto a mettere la frutta nel carrello mentre – sottolinea la Coldiretti – tra i prodotti ortofrutticoli a registrare le riduzioni maggiori della spesa in valore sono state – sottolinea la Coldiretti – le pere (-17 per cento), i pomodori (- 14 per cento) e le mele (-6 per cento).  A cambiare sono stati anche i luoghi di acquisto con un aumento del 6,9 per cento in valore della quota dei discount e dell’1,9 per cento dei fruttivendoli mentre scende, anche se di poco (-0,6 per cento), la quota degli Iper e Supermercati. A influire sugli acquisti è stata sicuramente la crisi economica che ha portato gli italiani a tagliare le spese anche alimentari, ma anche – conclude la Coldiretti – l’andamento climatico che, con pioggia e freddo anomali, ha scoraggiato il consumo di prodotti stagionali come la frutta e la verdura.

{jcomments on}