Scontri in Turchia, manifestante morto.

A Istanbul e Ankara la polizia è tornata a disperdere i dimostranti in piazza per contestare il governo. Il premier ha respinto le accuse di essere ”un dittatore” e si è scagliato contro Facebook e Twitter: ”Sono la peggiore minaccia della società”. La denuncia di Amnesty: cinque persone in pericolo di vita per gli scontri di venerdì. Lacrimogeni sulla folla. Aperta un’inchiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!