riccioneSingolare iniziativa anticrisi degli albergatori aderenti al Consorzio Riccione Turismo che hanno lanciato l’idea ‘Riccione trasforma l’Imu nella tua vacanza’.
Gli albergatori aderenti al consorizio infatti si impegneranno a trasformare l’Imu pagata nel 2012 allo Stato, dai turisti che soggiornano nelle loro strutture in buoni vacanza.


 Per accedere a questa opportunità sarà sufficiente andare sul portale www.visitriccione.com, cliccare su ‘Riccione trasforma l’Imu nella tua vacanza’ e scegliere uno degli hotel aderenti all’iniziativa (ad oggi sono oltre 40).
L’operazione è valida per tutti i turisti che prenoteranno un soggiorno di vacanza minimo di 7 giorni per almeno due persone (o in camera doppia) nel periodo dall’ 1 giugno al 4 agosto e dall’ 1 al 30 settembre 2013, consegnando all’arrivo in hotel, copia del proprio F24. L’hotel rilascerà un ‘buono vacanza’ del valore dell’Imu pagata nell’anno 2012 per la prima casa. Qualora il cliente prenoti una camera singola anziché una doppia, il rimborso si ridurrà del 30%.
Il limite previsto per il rimborso sarà di 200 euro per gli hotel a 1 e 2 stelle; 250 euro per gli hotel a 3 stelle; 300 euro per gli hotel a 4 e 5 stelle. L’iniziativa non sarà cumulativa con le promozioni dei singoli hotel.
 “Abbiamo pensato ad una soluzione facile cercando di abbattere i problemi legati alla burocrazia che consenta la restituzione dell’IMU – spiega Alberto Gnoli –  Amministratore Hospitality Marketing -. Con un semplice link nel portale si atterra in una pagina che indica con precisione le modalità di prenotazione della vacanza per ricevere il buono. Abbiamo 18 milioni di potenziali turisti di domani, perché tanti sono coloro che hanno pagato la tassa nel 2012”.

{jcomments on}