londraIn pieno pomeriggio, nel quartiere londinese di Woolwich, è esplosa la violenza, per strada. Due uomini si sono scagliati contro un soldato, che alloggiava nella caserma dello stesso quartiere, e lo hanno ucciso a coltellate.

 

Un’aggressione feroce e cruenta, da parte dei due individui, apparentemente di origine africana, che avrebbero investito la vittima con una vettura prima di saltarle addosso e massacrarla con varie armi da taglio e un machete. La polizia, accorsa poco dopo le 14.30, ha prima rinvenuto a terra il corpo insaguinato del soldato, decapitato come avrebbero raccontato alcuni testimoni, per poi braccare gli assasini, feriti, catturati e trasportati in due diversi ospedali, dove sono sotto custodia. Uno di loro è in gravi condizioni. Voci su Twitter riferiscono dell’origine nigeriana di almeno uno dei due, indicato come un ex cristiano convertitosi all’Islam cambiando il suo nome in ‘Mujahid’. Già in serata sono state rafforzate le misure di nella zona di sicurezza a Woowich, sede della caserma della Royal Artillery, a trecento metri dal luogo del delitto, e nei dintorni di tutte le altre caserme di Londra. Sembra sia confermato che si tratti di un attacco terroristico, perpetrato al grido di “Allah Akbar”. A tal proposito, l’emittente Itv ha mostrato un video amatoriale, forse girato da uno dei testimoni, dei due assassini dopo l’aggressione. Uno di loro parla all’obiettivo: “Noi giuriamo sull’onnipotente Allah – farfuglia l’uomo – che non smetteremo mai di lottare. Questo soldato britannico è un occhio per occhio, dente per dente. Mi scuso con le donne che hanno dovuto assistere a questa scena, ma nella nostra terra le nostre donne devono vedere le stesse cose. La vostra gente non sarà mai al sicuro. Mandate a casa questo governo, non si cura di voi”.{jcomments on}