tornadoUn devastante tornado si è abbattuto sull’area sud di Oklahoma City, distruggendo ogni cosa incontrata sul suo cammino.
Il bilancio ufficiale ma non definitivo è di 91 morti, di cui 20 bambini, secondo quanto riferito alla Cnn da fonti ufficiali. I feriti sono centinaia.

E’ uno scenario di guerra – abitazioni spazzate via dal vento, scuole rase al suolo, incendi – quello che si è presentato agli occhi dei soccorritori e degli obiettivi delle tv americane in seguito al passaggio del potente tornado che ieri ha colpito l’area di Oklahoma City, il centro più popoloso dell’omonimo Stato nel centro dell’America. Secondo alcuni testimoni molti bambini sono ancora intrappolati all’interno di una scuola elementare.
Il tornado misurava quasi due miglia (oltre tre chilometri) di ampiezza, con venti fino a 320 km all’ora. La zona più devastata è stata quella di Moore, a sud di Oklahoma City, ma le autorità sostengono che la tempesta abbia colpito un’area in cui vivono 171.000 persone.
l presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha dichiarato lo stato di calamità in Oklahoma e ha ordinato l’arrivo di aiuti federali a sostegno degli sforzi dello Stato e dell’amministrazione locale. Con lo stato di calamità in vigore, i cittadini e i proprietari di aziende possono richiedere aiuti federali per rifugi temporanei, prestiti a basso costo per coprire le perdite su proprietà non assicurate e altri programmi legati all’emergenza provocata dal tornado.