prodiI grillini scelgono la Gabanelli mentre il Pd non dovrebbe inserire il Prof nella sua rosa. Le Quirinarie del Movimento 5 stelle hanno indicato la preferenza dei cybervotanti per la conduttrice di Report,

il programma dei consumatori di Rai Tre, una della corazzate mediatiche della sinistra contro il centrodestra. A seguire Gino Strada, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky. Ultimi Romani Prodi e Dario Fo.
Ma cattive notizie per il professore bolognese arrivano anche dal Pd. Qui Bersani e i suoi fedelissimi sembrano orientati verso una candidatura non di rottura e in grado di raccogliere consensi evitando di arrivare alla quarta votazione. Pertanto, considerato il veto di fatto del Pdl a Prodi, le indicazioni sono verso altri nomi.
A Largo del Nazzareno, insomma, pare si cominci a rendersi conto che la linea della rottora totale con i moderati, stante l’atteggiamento dei grillini, non solo non pagherebbe, ma potrebbe creare seri problemi al futuro governo a guida Pd. Meglio, dunque, per il Colle fare una scelta condivisa.

{jcomments on}