imu“Il buon Monti ha deciso di anticipare la seconda rata del Fondo Salva Stati, che l’Italia avrebbe dovuto pagare l’anno prossimo, a quest’anno – ha spiegato il senatore leghista Massimo Garavaglia – in questo modo si è trovata a dover sborsare 2,7 miliardi in più, cifra che ha potuto coprire grazie ai 3 miliardi incassati grazie all’Imu sulla prima casa”.


Ecco perchè la merkel tifa tanto Monti, ecco perchè la cancelliera spera tanto in lui.
L’Imu ha gravato pesantemente sulle tasche dei contribuenti: ciascuna famiglia italiana proprietaria di almeno un immobile ha versato in media 1.216 euro di tasse di proprietà nelle casse del fisco, a fronte dei 437 del 2011, con un aggravio di costi pari a 780 euro
“Durante gli anni del pentapartito il rapporto tra debito e pil era aumentato di quattro punti percentuali – ha spiegato Garavaglia – Monti è riuscito a fare ben peggio”. A pesare sui conti pubblici ha contribuito, sicuramente, gli impegni che il governo ha deciso di assumersi nei confronti dell’Unione europea. Oltre ad aver sottoscritto il “Meccanismo europeo di stabilità” (Esm), meglio conosciuto come “Fondo Salva Stati”, il governo italiano è corso in aiuto quei Paesi (come la Grecia, la Spagna e il Portogallo) che si trovavano sull’orlo del default. Un esborso che è venuto a costarci la bellezza di 46 miliardi di euro, la metà dei quali a fondo perduto. “È possibile che il governo può versare 46 miliardi di euro agli altri Stati dell’Ue – si è chiesto Garavaglia – e non riesce a prestarli alle nostre imprese?”. A differenza di tutti gli altri Paesi membri, il Professore ha infatti pensato bene di anticipare la seconda rata dell’Esm alleggerendo le casse dello Stato di altri 2,7 miliardi di euro. “Ecco dove sono andati a finire i 3 miliardi di euro raccolti con la tassa sulla prima casa”, ha concluso l’esponente del Carroccio.

{jcomments on}