galera-ai-giornalistiNel segreto dell’urna torna la detezione per i giornalisti in caso di reato di diffamazione. L’Aula di Palazzo Madama approva con voto segreto l’emendamento della Lega che prevede il carcere fino a un anno per chi diffama a mezzo stampa con l’attribuzione di un fatto preciso, cioe’ ”il caso piu’ grave” precisa il leghista Sandro Mazzatorta firmatario della norma.


Il carcere fino ad un anno per i cronisti che diffamano passa nell’Aula del Senato con 131 si, 94 no e 20 astenuti. “Questa norma passa con un voto anonimo – commenta il responsabile Giustizia dell’Idv Luigi Li Gotti – voi della Lega avete ottenuto un grande risultato politico”, aggiunge. Li Gotti dice sì alla richiesta di Luigi Zanda (Pd) di sospendere i lavori per capire come procedere ora sul ddl Diffamazione. Richiesta condivisa anche dal capogruppo dell’Udc Giampiero D’Alia.
Con l’ok all’emendamento della Lega al ddl Diffamazione il governo è stato battuto. Il sottosegretario alla Giustizia Antonino Gullo conferma di aver dato parere negativo alla proposta leghista dopo aver invitato il Carroccio al ritiro.

{jcomments on}