fisco1Il tracollo a settembre della voce cibo e bevande è l’ennesimo segnale di una situazione che è giunta al limite. Sale l’allarme sulla condizione economica delle famiglie, soprattutto in vista delle scadenze fiscali di fine 2012.


Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando l’indicatore dei consumi di Confcommercio. “Oggi due famiglie su tre riescono ad arrivare a fine mese – sottolinea la Cia – solo con tagli radicali sugli acquisti, compresi quelli alimentari”. “E’ un dramma che sottolineiamo da tempo – conclude la Cia-, la conseguenza del progressivo calo di potere d’acquisto e reddito disponibile da un lato e inasprimento fiscale dall’altro. Se non si prenderanno presto provvedimenti per sostenere i consumi e aiutare le famiglie, ad esempio riducendo gli oneri fiscali, l’Italia non uscirà mai dal tunnel della crisi”.

{jcomments on}