silvio-berlusconiSilvio Berlusconi é stato dichiarato colpevole di frode fiscale dal tribunale di Milano, al termine della lunga camera di consiglio che ha tirato le somme della vicenda dei diritti comprati da Fininvest alla fine degli anni Novanta.


Berlusconi dovrà versare immediatamente dieci milioni al fisco come risarcimento danni.Il tribunale presieduto dal giudice Edoardo d’Avossa ha accolto le tesi del pubblico ministero Fabio De Pasquale, secondo cui – pur non ricoprendo più cariche formali all’interno del gruppo da lui fondato – il Cavaliere continuava a occuparsi degli affari di famiglia. In questa veste avrebbe disposto il pagamento a prezzi gonfiati dei diritti dei film hollywoodiani da trasmettere sulle reti del Biscione.
“Ennesima prova di accanimento giudiziario nei confronti del presidente Silvio Berlusconi. Una condanna inaspettata e incomprensibile con sanzioni principali e accessorie iperboliche”. Così il segretario del Pdl, Angelino Alfano, commenta la condanna nei confronti del Cavaliere per frode fiscale. “Siamo certi – aggiunge alfano in una nota – che i prossimi gradi di giudizio gli daranno ragione e speriamo che questi giudizi giungano in fretta”.
Euforico il commento di Antonio Di Pietro: “Tutti i nodi vengono al pettine. Nonostante tutte le leggi ad personam che Berlusconi si è fatto e nonostante la continua delegittimazione e denigrazione dei magistrati, la verità è venuta a galla”. “Da oggi – prosegue il leader dell’Idv – gli italiani possono prendere atto che una sentenza di primo grado considera Berlusconi un delinquente colpevole di frode fiscale e con l’interdizione dai pubblici uffici per i prossimi tre anni”.

{jcomments on}