Il ministero della Salute e l’Agenzia italiana del farmaco hanno disposto il divieto immediato a scopo cautelativo, e in attesa di ulteriori indagini, dell’utilizzo dei seguenti vaccini antinfluenzali: Agrippal; Influpozzi sub unità; Influpozzi adiuvato; Fluad. Sono prodotti dall’azienda Novartis.

Ai cittadini e’ richiesto di non acquistare ne’ utilizzare tali vaccini fino a nuova comunicazione in proposito, si sottolinea in una nota.
L’Aifa, sulla base della documentazione presentata dall’azienda, ha stabilito la necessità di ulteriori verifiche circa la qualità e la sicurezza degli stessi, dal momento che questi potrebbero presentare una aumentata reattogenicità, cioè la capacità di indurre effetti collaterali e reazioni indesiderate. Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, sta seguendo da vicino la situazione. Ulteriori informazioni – riferisce la nota – saranno diffuse nel corso della giornata.
Intanto il ministero della Salute ha già avviato la procedure per bloccare la distribuzione. “Abbiamo già allertato tutte le strutte pubbliche e private che dispensano i vaccini, tra cui Asl, farmacie e medici di famiglia”, riferiscono all’Adnkronos Salute dal ministero di Lungotevere Ripa, assicurando che il protocollo è stato attivato in tempi strettissimi: tutto in poche ore.
Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, all’Adnkronos Salute dice: “Dalle informazioni disponibili al momento non sembrerebbero esserci pericoli seri per la salute dei cittadini. Il blocco dei vaccini Novartis dovrebbe essere legato a un aumento della reattogenicità, vale a dire l’aumento di quei piccoli effetti collaterali che possono presentarsi dopo una vaccinazione antinfluenzale: dolore locale, arrossamento, febbricola che si risolve in uno-due giorni”.

{jcomments on}